Home > Blog > Blog > Come prepararsi al viaggio in Giappone?

Come prepararsi al viaggio in Giappone?

Yen banconote e monete

Cosa mettere in valigia quando si è in partenza per l’altra parte del mondo?

E così, siete finalmente pronti alla partenza: tra qualche giorno sarete su un aereo diretti in Giappone! Ma come prepararsi al meglio per affrontare questa vacanza in un paese così lontano e così diverso dal nostro? Vi aiutiamo noi!

La valigia

Partiamo dalle basi: ogni compagnia aerea che si rispetti vi consentirà di portare almeno un bagaglio in stiva e uno a mano, del resto qui non si parla dei brevi voli low-cost che si fanno con la Ryanair o simili. Meglio partire con una valigia in stiva meno carica possibile perchè, siate onesti, voi vorrete fare shopping selvaggio una volta a Tokyo: souvenir, vestiario, roba da otaku… c’è di tutto!

valigia alla partenza dal Giappone
23kg di peso massimo? Non c’è problema, ci stiamo dentro… a pelo!

Il Giappone, tra le altre (fantastiche) caratteristiche, ha anche quella di essere all’incirca sulla stessa latitudine dell’Italia, e questo significa che per quanto riguarda l’abbigliamento possiamo basarci sulle temperature di casa: le primavere e gli autunni sono particolarmente miti (non è raro girare a mezze maniche ad inizio Aprile, o senza giacchetto a fine Ottobre), l’estate è molto calda finchè non si sale nell’Hokkaido, mentre per l’inverno è simile al nostro, sempre senza considerare le zone agli estremi Nord e Sud del Giappone. Per i nostri tour consigliamo quindi abbigliamento leggero, massimo un maglioncino più pesante per qualche serata fuori, un singolo giacchetto (che avrete probabilmente addosso già alla partenza) e poi capi più leggeri… meno peso, più spazio! Inoltre le lavanderie a gettoni sono presenti in molti hotel, quindi non è neppure necessario portarsi troppi cambi, altro spazio guadagnato. Nel bagaglio a mano sarà invece importante tenere la macchina fotografica, i documenti, i medicinali (acquistarli in Giappone risulterebbe complicato, meglio stare sul sicuro e portare tutto ciò che può servire) e tutte quelle cose che non potete rischiare di perdere a causa di eventuali disguidi aeroportuali.

I soldi

In Giappone le carte di credito sono ancora qualcosa di poco diffuso, più che altro gli acquisti avvengono in contanti, e quindi è necessario partire con in tasca un buon gruzzoletto di yen. Noi consigliamo di cambiare almeno 50€ per ogni giorno di vacanza, che vanno a coprire pasti, trasporti ed ingressi senza particolari problemi… oltre a questa cifra che consideriamo come base bisogna pensare di portarsi quello che contate di spendere in extra: acquisti, sfizi, gite fuori porta e tutto il resto. Potete portarvi degli euro e cambiarli una volta finito il gruzzolo iniziale o potete cambiare tutto e portare solo yen, per poi cambiare di nuovo una volta tornati a casa, in entrambi i casi la perdita è minima.

I tassi di cambio all’aeroporto di Tokyo sono assolutamente accettabili, e anzi risultano essere meglio di diverse banche italiane, quindi informatevi bene presso la vostra e se vi tolgono più di 4-5 punti su ogni euro cambiato forse conviene cambiare tutto una volta atterrati.

Yen banconote e monete
Non tutte le monete riescono col buco

L’opzione Postepay per ritirare soldi agli sportelli automatici direttamente in yen è possibile, ma meglio non farci affidamento al 100%: vi rimandiamo alla nostra pagina sulle domande frequenti per le spiegazioni.

Il viaggio

12+ ore di volo sono il prezzo da pagare per visitare le meraviglie del Giappone, ma c’è modo e modo di affrontarle: se riuscite a dormire per almeno 6 ore, in modo da atterrare sul suolo nipponico riposati quasi quanto una notte di sonno, potrete affrontare la prima giornata senza problemi e vi eviterete i fastidiosi problemi legati al jet-lag (si farà sentire una volta tornati a casa, ma a quel punto che vi importa più? Siete stati in Giappone!), quindi prendete tutti gli accorgimenti necessari, dalle pastiglie di melatonina agli infusi di valeriana, tutto è lecito!

Dipende, ovviamente, dall’orario di atterraggio: se si arriva di sera è meglio atterrare stanchi per non aver problemi a dormire (a parte l’euforia dell’essere finalmente arrivati ovviamente), se si arriva di mattina è di vitale importanza non cedere al sonno finchè non è sera!

E questo è tutto per ora, siete pronti a partire? Avete qualche dubbio ancora in sospeso? Siamo qui per darvi tutti i consigli che volete!

Leggi anche...