Home > Blog > Blog > La guida su come comportarsi a Kyoto (e nel resto del Giappone)

La guida su come comportarsi a Kyoto (e nel resto del Giappone)

akimahen

Turista fai da te? Figuraccia assicurata!

Ai giapponesi, si sa, piace fare le cose con metodo e con tanto rispetto nei confronti di chi o cosa li circonda e a quanto pare a Kyoto ci tengono in particolar modo, tanto da pubblicare una piccola guida sui comportamenti e le regole di buona educazione che solitamente i turisti ignorano.

Questa breve infografica pubblicata da Tripadvisor si intitola Akimahen, che significa “Non si fa”, e ci illustra i classici comportamenti “da turista” che è meglio evitare per non infastidire i giapponesi, ad esempio: – non disturbare le maiko (ossia le future geishe), cercando in tutti i modi di fermarle per fare una foto o strattonandole per il kimono – non tentare di aprire le portiere dei taxi perchè sono automatizzate, vi basta stare un po lontani dalla vettura dopo che si è fermata e l’autista vi aprirà la portiera meglio di un maggiordomo senza neppure dover scendere – non fumate, soprattutto all’aperto, fuori dalle aree designate perchè rischiate una multa di 1000 yen (oltre ad attirarvi occhiatacce da parte dei giapponesi) – non date la mancia, non è nelle loro usanze, ma piuttosto ringraziateli magari dicendo “Okini” se vi trovate a Kyoto – assolutamente da evitare: guida in stato di ebbrezza… delle biciclette! Andare in bici dopo aver bevuto vi può costare fino ad un milione di yen o 5 anni di prigione, e non è certo il modo migliore per prolungare una vacanza – anche lasciare i rifiuti per terra vi può costare, in questo caso fino a 30000 yen, perchè i Giapponesi ci tengono molto a mantenere pulita la loro città

Vi lasciamo con l’intera infografica in lingua inglese, assolutamente da leggere o ripassare se avete in programma un viaggio in Giappone!

Guida alle cose da non fare a Kyoto
Immagine troppo piccola? Scarica la versione in alta risoluzione

Leggi anche...